News
LIVE BLOG

LIVE BLOG: MERCOLEDI’ 11 MAGGIO
Rafa completa l’en plein dei Fab Four
Azzurro pallido: fuori Seppi e Vinci. Kyrgios brucia Raonic

Questo contenuto è stato pubblicato 7 anni fa. Potrebbe essere riferito ad un’edizione passata degli Internazionali d’Italia.

23:03 – Non manca più nessuno: tutti partecipanti e tutte le partecipanti agli Internazionali BNL d’Italia hanno giocato il loro primo match. Chi ha vinto lo rivedremo domani, nel giovedì dedicato agli ottavi di finale. Arrivederci e buonanotte dal Foro Italico.

Venus Williams (Foto Antonio Costantini)

Venus Williams (Foto Antonio Costantini)

22:50 – Nella giornata in cui sono cadute le big (Kerber e Azarenka), non fa eccezione Petra Kvitova. L’ex campionessa di Wimbledon, numero 5 del tabellone, si inchina ai colpi di Madison Keys, 24 del ranking. Anche in modo netto come racconta il 6-3, 6-4 finale. E’ stata battaglia dura, invece, sul Pietrangeli dove si sono sfiorate le 3 ore di gioco. La 36enne Venus Williams cede 7-6, 5-7, 6-4 all’ungherese Timea Babos, di 13 anni più giovane.

21:56 – Sul Pietrangeli la partita si allunga al terzo set. Babos brekka Venus proprio quando ormai anche la seconda partita sembrava destinata al tie break. L’ungherese porta a casa un prezioso 7-5 dopo due ore di gioco. Sul Centrale situazione capovolta. La Keys sfonda sul servizio Kvitova al quarto e all’ottavo gioco e chiude 6-3 il primo set.

21:38 – Resta da definire l’ultimo ottavo di finale del tabellone femminile. Mentre sul Pietrangeli la più grande delle Williams Williams sta lottando con l’ungherese Babos (4-4 al secondo con Venus avanti di un set), sul Centrale la sfida Kvitova-Keys è ancora alle battute iniziali. Petra, numero 9 al mondo, conduce 2-1 e servizio. Curiosità: le due giocatrici indossano un identico vestitino viola con spalline nere.

21.08 – Con un devastante back di rovescio che schizza sulla riga Rafael Nadal passa oltre Philipp Kohlrschreiber. E prenota un faccia a faccia con Nick Kyrgios. Si prennunciano scintille…

21.06 – David Ferrer chiude la pratica Guillermo Garcia-Lopez sul Grandstand: 6-4 6-3. Lo aspetta il francese Pouille che aveva preso il posto in tabellone di Tsonga (questo poteva essere il corridoio di Fabio Fognini…)

20.58 – Rovesci e ancora rovesci con angoli strettissimi. Rafa brekka di nuovo. E si incita con il classico “Vamos”. Serve sul 4-3.

20:50 – Per un momento, la partita sembrava conclusa: con due rovesci strepitosi, uno ad aprirsi il campo e il seguente a chiudere sul lungolinea, Rafa aveva conquistato un break di vantaggio anche nel 2° set. Nel game seguente ha però peccato di un po’ di disattenzione, e “Kohli” non si è fatto pregare: controbreak immediato, secondo set (e incontro) ancora da decidere.

Nick Kyrgios (Foto Antonio Costantini)

Nick Kyrgios (Foto Antonio Costantini)

20:19 – Al rintocco della mezzora, Rafa indovina il break che per ora decide il confronto Kohlrschreiber. Il punto di rottura del primo set arriva all’ottavo gioco. Il tedesco ha un’opportunità per rientrare sul 5-3, ma al primo set point Nadal fa centro. Agli sgoccioli la frenetica giornata odierna, ma il programma di domani non sarà da meno. Basta dare un’occhiata all’ordine di gioco di giovedì 12 maggio per capire che il meglio deve ancora venire.

19:29 – Il servizio esterno di Kyrgios manda la partita e il torneo di Raonic ai titoli di coda. Il bad boy australiano, volato 5-1 e servizio, si complica un po’ la vita, cedendo uno dei due break incamerati. Sul 5-3, però, niente sconti. L’australiano che già aveva fatto quarti a Madrid, si conferma un osso duro per tutti anche sulla terra. Sarebbe un grande spot per il torneo, vederlo domani opposto a Nadal. E’ staffetta perfetta tra Pietrangeli e Centrale, dove sta per iniziare proprio il match tra Rafa e Kohlschreiber.

18:57 – Mostra il pugno Nick. Il drittone anomalo di Raonic plana in corridoio, Kyrgios mette in cascina il tie break per 7 punti a 5. Sulle tribune del Pietrangeli, applaude anche mamma Norlaila. Lo spartito del match è uno solo: scambi senza esclusione di colpi da fondo campo. Intanto, dopo Kerber e Azarenka, esce di scena anche Simona Halep. La rumena, numero 6 del tabellone e recente vincitrice a Madrid, si fa sorprendere 6-3, 4-6, 6-3 dalla Gavrilova. Finita anche sul campo 2. Chardy la spunta 7-6, 6-4 con Bautista Agut e si guadagna la sfida con Andy Murray agli ottavi.

18:42 – Ha smesso di piovere, ma sul Pietrangeli grandinano pallate. Con un ace Nick Kirgyos si porta in linea di galleggiamento sul 5-5. Dopo i break pre-sosta, l’australiano ha avuto la grande opportunità di andare a servire per il set, portandosi sullo 0-40 servizio Raonic. Ma il canadese è riuscito a salvarsi.

18:14 – Nell’attesa che i match riprendano – e la speranza è che manchino pochi minuti – vi diamo qualche spunto per il prossimo doppio al circolo. Nelle immagini raccolte oggi pomeriggio da Luca Coppola, Max Mirnyi e Florin Mergea si scaldano con qualche routine interessante.

 

18:09 – Giusto il tempo di riorganizzare le idee, che i giocatori si apprestano a fare il loro ritorno in campo dopo l’interruzione per pioggia. Pietrangeli gremito, ombrelli chiusi, il campo è stato già risistemato. Tutto pronto per la ripresa del match Raonic-Kyrgios, interrotto sul 2-2. Avvio di partita anomalo, già messo a segno un break per parte. Di sicuro il meglio deve ancora venire. Si riparte anche sugli altri campi.

17:24 – La pioggia annunciata fa capolino sul Foro Italico. Ombrelli aperti sul Pietrangeli, Raonic-Kyrgios interrotta sul 2-2. Gavrilova-Halep ai box sul punteggio di un set pari. Per Chardy giusto il tempo di aggiudicarsi il primo set al tie break contro Bautista Agut. Pausa di riflessione per tutti.

17:03 – Cala il sipario sul torneo degli italiani. Roberta non riesce a recuperare il break di vantaggio, la Konta si impone 6-0, 6-4. L’avventura romana della Vinci, che da numero 7 del tabellone ha beneficiato di un bye al primo turno, dura purtroppo soltanto un’ora e 13 minuti. Il programma sul Centrale riprenderà alle 19:30 con Nadal. Il torneo di Rafa, a caccia dell’ottavo sigillo al Foro, inizierà contro il tedesco Kohlschreiber.

16:58 – Qualche curiosità su Johanna Konta, la numero 1 britannica che sul Centrale sta mettendo in grandissima difficoltà Roberta Vinci. E’ nata il 17 maggio del 1991 in Australia, come la Robson, da genitori ungheresi: ha passaporto di tutte e tre le nazioni.

Johanna Konta Ph Barbara Crimaudo

Johanna Konta Ph Barbara Crimaudo

In febbraio, poco dopo la semifinale centrata agli Australian Open, in Gran Bretagna ha fatto molto discutere la sua apparizione televisiva sul talk show di Jonathan Ross, uno dei programmi più seguiti della BBC. La Konta, senza peli sulla lingua e senza nessun timore reverenziale, non ha gradito il conduttore e la qualità delle sua domande. Tra le molte discutibili, emerge quella in cui Ross chiede quale sia la sua vera nazionalità – che è britannica e non è mai stata messa in discussione dalla Konta. Ne è uscita un’intervista definita “imbarazzante” e “straziante” dalla stampa britannica, che ha criticato pesantemente Ross, definendolo “egocentrico” e “auto-compiaciuto”.
La prima donna britannica dopo 33 anni a raggiungere una semifinale Slam conduce per 6-0 4-3 e servizio sulla nostra numero 1.

16:53 – La partenza ad handicap anche nel secondo set, sotto 0-4, condanna Seppi all’eliminazione. Si ripete il cliché del primo parziale, l’azzurro risale fino al 3-4, salva un match point sul 3-5, ma nulla può con Gasquet al servizio. 6-3, 6-4, anche Andy, l’unico degli italiani ad aver vinto una partitanel tabellone romano, saluta il Foro.

16:18 – La storia si ripete con proporzioni ancor più drammatiche sul Centrale. Roberta incassa il cappotto, il primo set si chiude 6-0 per la Konta. Vinci per ora fuori dal match, solo 7 i punti raccolti sui 38 giocati. Notte fonda anche per Seppi, sotto 3-0 e di due break.

16:06 – Parte tardi la rimonta di Seppi. Nell’economia del primo set, pesa come un macigno il 5-0 di partenza ad opera di Gasquet. Andy risale fino al 5-3, ma la remuntada resta incompiuta e il primo set si chiude 6-3 per il transalpino, numero 11 del tabellone. In fotocopia anche il match di Roberta Vinci, fulminata dall’avvio lampo della Konta, avanti 4-0.

15:54 – E’ stato un inizio quantomeno difficile, quello di Seppi contro Richard Gasquet. Sul Pietrangeli il francese è scappato subito sul 5-0, poi Andreas è riuscito a mettere una tacca sul tabellone del punteggio. La situazione rimane però disperata: 5-1 e servizio Ritchie.

15:27 – Meno convincente di Federer e Murray, ma comunque vincente. Djokovic chiude 7-5, 7-5 la fatica con Robert. Nole ha dimostrato di giocare col freno a mano tirato e, non appena ce ne è stato bisogno (sotto 4-2 nel secondo), ha messo il turbo ed è volato via. “Roma ti amo” così griffa la telecamera non appena ha centrato la vittoria. E Roma ama lui. Ora giusto il tempo di rifocillarsi, poi di nuovo tutti sul Centrale per Roberta Vinci, ultima italiana in tabellone, che debutta contro la britannica Konta. Si tifa azzurro anche sul Pietrangeli. Appena iniziato il match di Seppi. Gasquet ha tenuto il servizio ed è 1-0.

15:20 – Non a caso è il numero 1. Djokovic infila un parziale di 12 punti a 2 e vola sul 5-4. Fa ancora meglio Murray, che archivia con un doppio 6-3 la pratica Kukushkin.

15:06 – Il ritorno di Genie si materializza sul Pietrangeli. La canadese, dopo l’ex numero uno Jelena Jankovic, ottiene una vittoria ancora più pesante su Angie Kerber, numero due del mondo e del tabellone. 6-1, 5-7, 7-5 in 2 ore e 22 minuti, una battaglia che certifica il ritorno della Bouchard a livelli top. Intanto sul Centrale, udite udite, è break in favore di Robert. Djokovic costretto ad inseguire dal 2-4. 4-2 anche sul Pietrangeli, ma per il favorito Andy Murray su Kukushkin.

14:45 – Nole trova il bandolo della matassa Robert soltanto al 12esimo gioco, quando vola 0-40 e con tre set point a disposizione, riesce a far centro al secondo tentativo. Il 7-5 rispecchia fedelmente il sostanziale equilibrio della prima partita, con il francese che in alcuni frangenti è anche riuscito a comandare lo scambio. Porta a casa il primo set anche Murray. L’equilibrio si spezza all’ottavo gioco, con Kukushkin costretto a cedere il proprio servizio. Nessuna palla break concessa invece da Murray, merito anche dei 3 aces messi a segno dal britannico. Sul Pietrangeli fasi palpitanti di Kerber-Bouchard, siamo sul 5-5.

14:11 – Rapida carrellata dai campi. Ad un passo dalla sconfitta, il ritorno della Kerber si è concretizzato con il 7-5 con cui si è concluso il secondo set. La Bouchard pare un po’ sulle gambe. Sul GrandStand finito il il match Thiem-Sousa, che ha eletto l’austriaco prossimo avversario di Federer, sono iniziate le fatiche romane di Andy Murray: avversario il sempre temibile Kukushkin.

13:53 – Non pensate di potervi rilassare: dopo l’eccellente debutto di Roger, tra pochi minuti sul Centrale arriverà Nole. Il serbo numero 1 del mondo trova il veterano francese Stephane Robert, qualificato alle spese di Matteo Donati. Intanto, sul Pietrangeli, uno degli incontri più interessanti della giornata si è ufficialmente trasformato in una battaglia: dopo aver perso il primo set ed essere andata sotto di due break nel secondo, Angie Kerber ha impattato sul 4 pari contro Genie Bouchard. Per la canadese sono guai, contro la numero 2 del tabellone.

Eugenie Bouchard (Foto Giampiero Sposito)

Eugenie Bouchard (Foto Giampiero Sposito)

13:38 – La caduta in terra di Zverev anticipa di poco il tironfo di Roger Federer e l’uscita di scena del baby fenomeno tedesco. Lo svizzero, tornato numero due del mondo, chiude con un dritto anomalo che induce Zverev all’errore di rovescio. Finisce 6-3, 7-5 in un’ora e 28 il primo esame del tedeschino alla cattedra del Maestro. Rimandato, ma non bocciato. Per Federer un buon inizio di torneo e soprattutto un’apparente buona condizione fisica.

13:36 – Il break di Federer. Al quarto tentativo, lo svizzero fa centro. Ora lo svizzero serve per il match sul 6-5.

13:10 – Genie Bouchard è partita dai blocchi in modo strepitoso, contro la seconda testa di serie Angie Kerber: in 28 minuti ha già chiuso il primo set per 6-1. La canadese sembra finalmente serena, dentro e fuori dal campo, e ciò la rende pericolosissima.

13:02 – Nessun contraccolpo. il ragazzino tedesco ottiene le prime palle break a sua disposizione. La seconda è quella buona. Il match è tutt’altro che finito.

12:58 – Al terzo game Federer piazza il secondo break di giornata. Gli dà una mano Zverev, che forza troppo il rovescio, spedendolo in corridoio. Il 19enne tedesco conquista comunque le simpatie del pubblico con un caloroso abbraccio con un giudice di linea, che era finito sulla sua traiettoria. Sul Pietrangeli, intanto, prime schermaglie tra Kerber e Bouchard.

12:41 – Baby Zverev salva un set point con un ace che fila a 214 kmh, ma rimanda soltanto di qualche minuto l’epilogo del primo set. Federer chiude a 15 il proprio turno di servizio, fissando sul 6-3 lo score del primo parziale in 29 minuti.

12:33 – Il primo break è in favore di Roger, e arriva con una smorzata mozzafiato di rovescio, giocata in risposta alla seconda di Sasha Zverev. Il boato di un Centrale già pieno ha percorso tutto il Foro Italico. Due minuti dopo, lo svizzero ha già confermato il break: 5-2.

12:26 – La prima vittima illustre del tabellone femminile porta il nome di Vika Azarenka. La numero 6 al mondo e 4 del torneo, che sul cemento di Miami e Indian Wells sembrava essere tornata ai livelli da N.1, conferma i suo disagi del momento (già sulla terra di Madrid aveva dato forfait prima del terzo turno con Louisa Chirico). La rumena Irina Camilia Begu si impone con sin troppa facilità per 6-3, 6-2. Sul Centrale siamo 3-2 Federer, servizio Zverev che ha già snocciolato battute ad oltre 210 orari.

12:04 – Scocca l’ora di Federer. Il Centrale si va riempiendo, nessuno vuole perdersi neanche il warm up di re Roger. Gli scettici, che pensavano ad un ritiro-bis dello svizzero dopo il forfait a Madrid per problemi alla schiena, devono fortunatamente ricredersi. Accompagnato dalla musica di Star Wars, Roger entra in campo: polo, scarpe, calzini, fascetta d’ordinanza. Tutto bordeaux. Calzoncini azzurro polvere. Pubblico in piedi per il numero uno di tutti i tempi. Sta per avere inizio uno dei match più interessanti di giornata. Dall’altra parte della rete Alexander Zverev, che molti profetizzano futuro numero uno. Intanto in meno di un’ora Garbine Muguruza ha completato l’opera: 6-1, 6-0 alla malcapitata Makarova.

11:48 – Una risposta di rovescio fuori misura consegna alla Begu le chiavi del primo set. Fatica a trovare il ritmo Vika Azarenka che, per sovvertire il 6-3 iniziale, è chiamata a cambiare marcia repentinamente. One way invece sul GrandStand. Gaby Muguruza veleggia verso la vittoria: 6-1, 4-0 con la Makarova.

11:39 – Con un paio di diritti vincenti e un ace a chiudere il game, Irina Camelia Begu consolida un inatteso vantaggio su Vika. Una delle componenti della “Ro-Mania” che sta investendo il circuito femminile (a Madrid sono arrivate nei quarti ben quattro tenniste romene) conduce 5-2 contro la Azarenka, con un break di vantaggio. Tutto molto più semplice per Garbine, che ha già archiviato il primo set per 6-1.

Garbine Muguruza (Foto Antonio Costantini)

Garbine Muguruza (Foto Antonio Costantini)

11:22 – Solo match femminili in campo in quest’apertura di giornata. Garbine Muguruza e Vika Azarenka sono le protagoniste più nobili (in termini di classifica) tra quelle in campo al momento: sul Grandstand la numero 3 conduce già 4-1 e servizio sulla russa Ekaterina Makarova, sempre insidiosa; la bielorussa (n. 4) batte sull’1-2 contro la romena Irina Camelia Begu, sul Pietrangeli.

11:00 – Buongiorno e benvenuti al Foro Italico! Il mercoledì del debutto dei Big 4 si è presentato a Roma con una coltre di nuvole e qualche goccia di pioggia. Nonostante il tempo incerto, dovrebbero comunque essere garantite diverse ore di tennis. Intanto, vi regaliamo questa chicca ripresa da Luca Coppola nel suo consueto scouting mattutino dai campi: un tweener al volo frontale di Roger Federer, mentre si scalda sul Centrale con Ljubicic. Il debutto dello svizzero è atteso per le 12 sul Centrale, contro la stellina tedesca Alexander Zverev. Vi basta come antipasto?

Leggi anche

Official sponsor

  • BNL
  • BMW
  • Joma
  • RealeMutua
  • Emirates
  • Dunlop
  • Algida
  • Valmora
  • FrecciaRossa
  • Ricoh
  • Pepperstone
  • Hologic
  • Eni
  • TicketOne
  • Herbalife
  • Emu
  • Technogym
  • Solgar
  • Moscato D’Asti
  • Kimbo
  • Heineken

Iscriviti alla nostra newsletter

Completa la procedura di registrazione

Letta e compresa l'Informativa Privacy, espressamente e liberamente

il trattamento dei miei dati personali per le finalità di cui al paragrafo 3.1, ivi comprese quelle relative all’invio di newsletter, comunicazioni commerciali, promozionali e di marketing diretto attraverso sistemi di contatto totalmente automatizzati (ferma restando la possibilità di manifestare in qualsiasi momento la volontà di ricevere comunicazioni per le suddette finalità esclusivamente attraverso modalità di contatto tradizionali).

il trattamento dei miei dati personali per le finalità di cui al paragrafo 3.2, ivi comprese quelle relative all’invio di newsletter, materiale pubblicitario e/o comunicazioni e informazioni di natura commerciale e di marketing indiretto su servizi e prodotti, relativi ad offerte, sconti e ogni altra iniziativa promozionale e di fidelizzazione adottata dai nostri partner commerciali attraverso sistemi di contatto totalmente automatizzati (ferma restando la possibilità di manifestare in qualsiasi momento la volontà di ricevere comunicazioni per le suddette finalità esclusivamente attraverso modalità di contatto tradizionali).

Annulla

Registrazione avvenuta con successo

Close