News
IL MATCH

SONEGO SFIORA IL PARADISO
Il torinese mette alla frusta Nicolas Almagro

Questo contenuto è stato pubblicato 6 anni fa. Potrebbe essere riferito ad un’edizione passata degli Internazionali d’Italia.

Forse non sapeva, Lorenzo Sonego, che il 13 maggio è un giorno nefasto per i tifosi del Torino. Non era ancora nato, 25 anni fa esatti, quando la sua squadra del cuore vide sfumare il suo unico trofeo europeo nei tre pali colpiti ad Amsterdam, nella finale contro l’Ajax. Nell’ultimo match sul Campo Pietrangeli gremito, il torinese ha cercato di sfatare il tabù almeno sul campo da tennis, battendo Nicolas Almagro sotto gli occhi di 3.000 appassionati scatenati. E’ arrivato a tanto così dal più bel successo in carriera, ma si è arreso col punteggio di 6-3 3-6 7-6. Dodici mesi fa, quando aveva artigliato un posto nel main draw, era arrivato a due punti dal successo contro Joao Sousa. Stavolta si è fermato a quattro punti dal successo, ma l’aveva annusato per davvero. Contro un giocatore di ottimo livello, che soltanto qualche giorno fa aveva strappato un set a Novak Djokovic, “Sonny” ha giocato una partita straordinaria, in cui ha tenuto benissimo la sfida sul suo territorio preferito, la battaglia da fondocampo. Con qualche chilo di muscoli in più rispetto all’anno scorso, oggi Sonego possiede una palla più pesante e spesso ha sfondato Almagro, con entrambi i fondamentali. Anche lo spagnolo è rimasto stupito dalla personalità e dall’atteggiamento di Sonego, al punto da sciogliersi in risate ironiche, quasi isteriche, quando l’azzurro spingeva duro. Il primo set è stato “normale”, poi Sonego ha preso in pugno la partita, sostenuto a bordocampo da tutti i personaggi di spicco del Settore Tecnico: c’erano Corrado Barazzutti, Umberto Rianna, Gabrio Castrichella, anche il direttore del torneo Sergio Palmieri e il giovane Andrea Pellegrino. Non mancava, ovviamente, lo storico coach “Gipo” Arbino, che per Sonego è quasi un secondo padre. Ma con lui c’era la gente, un Foro Italico già gremito nella prima giornata delle qualificazioni. Un pubblico eccezionale, in grado di riempire gli spalti in occasione dei match più combattuti. Ma se il “sold out” sui campi 1 e 2 era relativamente semplice, non si può dire altrettanto per il Pietrangeli. Ma la grinta di Sonego, quella voglia di non arrendersi mai, ha conquistato la gente. Esattamente come 12 mesi fa. Giocava un secondo set straordinario, poi prendeva un break di vantaggio anche nel terzo (3-2 e servizio). A quel punto, forse, ha iniziato a pensare che la missione non fosse impossibile. Si è fatto riacchiappare sul 3-3, poi c’è stato un game chiave, in cui l’azzurro si è trovato 0-40 sul servizio di Almagro e ha avuto un totale di cinque palle break. Sull’ultima, il giudice di sedia (il francese Arnaud Gabas, lo stesso colpito a un occhio da Denis Shapovalov tre mesi fa, in Coppa Davis) ha ordinato la ripetizione del punto su un attacco di Sonego chiamato fuori, ma poi rivelatosi buono. L’azzurro voleva il punto (e il break), ma non c’è stato verso. Non si è arreso, ed anzi ha giocato due game da urlo dal 4-5 al 6-5. Otto punti consecutivi, in cui ha bucherellato Almagro da tutte le parti, persino umiliandolo con la combinazione palla corta-pallonetto. Uno spettacolo, accompagnato da un’esultanza quasi sfrenata. Al momento di servire per il match, l’azzurro ha giocato male un paio di punti ed è stato sorpreso da un paio di ottime soluzioni di Almagro. Nel tie-break, il finale era ormai segnato. La sconfitta non ha spento l’applauso della gente, che ha accompagnato con una quasi ovazione la sua uscita dal campo. Un po’ malinconica, persino simbolica, come se il sogno della sua maglietta fosforescente si spegnesse uscendo dal campo. Ma si consoli, Sonego: il 13 maggio, è destino che i granata non debbano gioire. Semmai, sarà importante tornare a vincere nei prossimi tornei dopo un 2017 così così, in cui non è mai andato oltre il secondo turno nei tornei Challenger. L’esperienza al Foro Italico è un’onda d’urto di fiducia che Sonego non potrà sciupare.

Leggi anche

Official sponsor

  • BNL
  • BMW
  • Joma
  • RealeMutua
  • Emirates
  • Dunlop
  • Algida
  • Valmora
  • FrecciaRossa
  • Ricoh
  • Pepperstone
  • Hologic
  • Eni
  • TicketOne
  • Herbalife
  • Emu
  • Technogym
  • Solgar
  • Moscato D’Asti
  • Kimbo
  • Heineken

Iscriviti alla nostra newsletter

Completa la procedura di registrazione

Letta e compresa l'Informativa Privacy, espressamente e liberamente

il trattamento dei miei dati personali per le finalità di cui al paragrafo 3.1, ivi comprese quelle relative all’invio di newsletter, comunicazioni commerciali, promozionali e di marketing diretto attraverso sistemi di contatto totalmente automatizzati (ferma restando la possibilità di manifestare in qualsiasi momento la volontà di ricevere comunicazioni per le suddette finalità esclusivamente attraverso modalità di contatto tradizionali).

il trattamento dei miei dati personali per le finalità di cui al paragrafo 3.2, ivi comprese quelle relative all’invio di newsletter, materiale pubblicitario e/o comunicazioni e informazioni di natura commerciale e di marketing indiretto su servizi e prodotti, relativi ad offerte, sconti e ogni altra iniziativa promozionale e di fidelizzazione adottata dai nostri partner commerciali attraverso sistemi di contatto totalmente automatizzati (ferma restando la possibilità di manifestare in qualsiasi momento la volontà di ricevere comunicazioni per le suddette finalità esclusivamente attraverso modalità di contatto tradizionali).

Annulla

Registrazione avvenuta con successo

Close